Virginia Raggi ha la scorta. Ecco perché non è un problema e non è mai stato un problema

Virginia Raggi, neo sindaco di Roma, continua involontariamente a traghettare il Movimento 5 Stelle, formazione storicamente anticasta antiestablishment antipolitica antitutto, dalle spiagge patinate di Honestà alle fredde asperità dei monti Realtà. Crisi come questa sono tipiche dei movimenti giovani, come la Lega o Forza Italia ai tempi della loro nascita: prima contro i partiti quando non sono ancora partiti, poi contro i giornalisti quando si scontrano con la realtà e sono costrette a diventare come i partiti.

Questo non è necessariamente un male, anzi… dipende da come avviene la trasformazione e in cosa ci si sta trasformando, finita la fase embrionale. La polemica sulla scorta a Virginia Raggi è il nuovo, non eccessivamente frizzante capitolo in merito.

 

Votami ai Macchianera Awards - http://bit.ly/2clY8x3

Santoro fa Robinù, film sulla camorra. Polemiche come per Gomorra - http://bit.ly/2cRhLNS

Il trailer di Robinù - http://bit.ly/2cmfV8W

Alice Sabatini ingrassata a Miss Italia 2016 - http://bit.ly/2cHnCVQ

In Libia è tutto ok a parte che l’ONU non combina niente - http://on.wsj.com/2cqqM2B

Per chi non ricordasse nulla sul referendum delle trivellazioni - http://bit.ly/2cfkrJo

ISTAT, Lavoro: secondo trimestre 2016 c’è ripresa - http://bit.ly/2cDGJ4p

La bodyguard cinese che ha fatto innamorare il web - http://bit.ly/2ca4CkF

Chi decide se assegnare una scorta in Italia - http://bit.ly/2czelmA